LFI

Libera Fratellanza Italica
 
IndiceIndice  RegistratiRegistrati  Accedi  

Condividere | 
 

 VI Legislatura

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
KatieD

avatar

Numero di messaggi : 2761
Localizzazione : RR: Parenzo
Data d'iscrizione : 07.04.09

MessaggioTitolo: VI Legislatura   Lun Dic 21, 2009 1:16 pm

Citazione :






Cari Concittadini Veneziani,

siamo lieti di presentarvi il programma che ci prefiggiamo di attuare nella prossima legislatura.


Economia

- Manterremo il metodo del budget giornaliero di 300 ducati ai Sindaci, che venderanno cereali e vettovaglie alla Repubblica, regolando le vendite in base ad un preciso calmiere e alla volontà del TM e dello Sceriffo. Questo metodo gia’ collaudato dalle scorse legislature, si è rivelato efficace nel tempo portandoci quindi a rinnovare il suo utilizzo.

- Cercheremmo di mantenere il salario delle miniere a 16 ducati e sarà compito del Consiglio provvedere a rendere pubblico il loro piano di sviluppo.

- Manterremo la presenza di un ricco magazzino repubblicano, e continueremmo a rifornirlo in modo da far fronte a situazioni di emergenza sia socio-economiche che militari.



Prestigio

- Se il prestigio della Repubblica non dovesse ritornare a 5 stelle, sarà una nostra priorità riportarvelo quanto prima. Ciò permetterà alla Repubblica di risparmiare la spesa necessaria al reperimento dei punti istituzione e consentirà altresì di avere un esercito più potente.



Porti

- Terremo in debito conto quanto già fatto sinora per le infrastrutture portuali della Serenissima e nel corso della legislatura ci impegneremo a reperire le risorse necessarie a proseguire con l’ampliamento dei porti al livello superiore, sviluppando una politica economica adeguata a tale scopo.



Sicurezza e difesa

-Istituiremo il corpo delle Guardie Dogali. Si tratterà di Guardie scelte, al servizio del Doge, al quale presteranno giuramento e saranno sotto la guida del Prefetto per la difesa delle città e del territorio. Faranno parte delle Guardie Dogali i Capi gendarmi. Saranno reclutati fra i cittadini veneziani nella Serenissima in tutte le città della Repubblica e dovranno avere determinate caratteristiche. Questi dovranno godere della fiducia del Prefetto che potrà congedarli in qualunque momento. Potranno essere chiamati a difendere la Capitale quando verrà loro richiesto e fare domanda di assunzione presso il municipio come gendarmi per difendere il Castello. Un membro dell’Esercito non potrà fare parte delle Guardie Dogali. Provvederemo alla creazione di un vademecum o regolamento mediante il quale istruire le Guardie Dogali per risolvere in maniera immediata ed efficiente le situazioni di allerta e l'organizzazione quotidiana di difesa.

- Manterremo aggiornata la lista degli indesiderati della Serenissima nel forum Taverna Veneziana.

- Prenderemo in considerazione gli ordini cavallereschi presenti sul territorio e ne promuoveremo il ruolo di difensori dello Stato anche se non inquadrati nell’esercito Repubblicano.



Giustizia e Leggi

-Verra' rivisto lo statuto dei Municipi, valutando di modificare il rapporto fra casse e difesa e la cessione forzata di una parte delle casse comunali alla Repubblica per incentivare comunque la gestione virtuosa dell'economia cittadina.

- Verranno rivisti alcuni articoli del CI, modificando quelli di difficile e non chiara interpretazione o senza capi di imputazione, rivedendo alcune leggi come ad esempio la legge sulla diffamazione, e sulla benemerenza e introducendo la legge della lite temeraria.

- Istituiremo un fondo cassa per le spese giuridiche di competenza municipale, responsabilizzando tutte le città in merito alla giustizia senza che essa gravi sulla Repubblica.



Cultura

- La Libera Fratellanza Italica ritiene fondamentale lo sviluppo della cultura nella nostra Repubblica; a tal fine è nostra intenzione proseguire con il progetto dell'accademia, modificandola in alcuni punti:

1) Per prima cosa il filosofo diventerà magister philosophiae, conservando i suoi attuali compiti; il cambiamento di nome è dovuto al fatto che ogni allievo potrà diventare filosofo sostenendo l'apposito esame, che sarà tenuto in taverna della repubblica. In caso di esito positivo, il Doge in persona premierà il nuovo filosofo con l'apposito diploma.

2) Il magister philosophiae e i filosofi, oltre alle normali lezioni in accademia, terranno anche lezioni pubbliche nella Taverna della repubblica, per migliorare il gdr nella Serenissima e per avvicinare più cittadini alla saggezza accademica. Tali lezioni saranno, ovviamente, condotte solo per vie generali, in modo da permettere a tutti di seguire il ragionamento; gli approfondimenti saranno trattati nell'accademia.



Università

- Continueremo con l'attuazione del Senato Accademico, modificando alcuni requisiti previsti per la nomina dei rappresentanti dei professori.

- Manterremo le lezioni proposte dall'attuale rettore.

- Manterremo l'ottima gestione di richiesta e di offerta di punti di stato.



Diplomazia e trasparenza

- Utilizzeremo al meglio la Camera Comune come strumento di informazione dei cittadini.

- Ci impegneremo per rafforzare e risaldare i rapporti diplomatici con l'Abruzzo, l'Albania e la Croazia, in prospettiva di futuri scambi commerciali e di future alleanze militari e navali, essendo i loro porti affacciati sull’Adriatico.

- Intratterremo rapporti diplomatici miranti al manimento della pace con gli altri regni italici.

- Continueremo con i resoconti settimanali del Consiglio alla popolazione della Serenissima.



Libera Fratellanza Italica

Tornare in alto Andare in basso
 
VI Legislatura
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» XXV Legislatura

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
LFI :: Sezione Pubblica :: Programmi Libera Fratellanza Italica :: Serenissima Repubblica di Venezia-
Andare verso: