LFI

Libera Fratellanza Italica
 
IndiceIndice  RegistratiRegistrati  Accedi  

Condividere | 
 

 XIII legislatura

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
max_renaissance

avatar

Numero di messaggi : 990
Localizzazione : Portogruaro
Data d'iscrizione : 12.09.08

MessaggioTitolo: XIII legislatura   Dom Apr 10, 2011 3:11 pm

-njmue- ha scritto:
L'acqua cullava dolcemente la gondola che trasportava la ragazza, alle prime luci dell'alba. Era avvolta in un pesante mantello, che la riparava dall'umidità della laguna, ma aveva un compito troppo importante da portare a termine, percui non badava al freddo.
Passò la mano sulla bisaccia, che conteneva la pergamena che avrebbe affisso.
Queste elezioni erano segnate dalla lotta contro l'Ordo e dalle continue polemiche. Giordana sperava in cuor suo che i Veneziani mettessero da parte le lingue e si schierassero uniti contro il nemico comune.
Per quanto la riguardava, sarebbe partita come volontaria dell'esercito. Il Patriarca aveva dato il beneplacet ai Diaconi come lei di prestare servizio a difesa di Venezia, e lei lo avrebbe fatto. Avrebbe lasciato parenti, fidanzato e amici, ma era sicura di tornare presto, che quest'incubo sarebbe durato poco.
Si stropicciò gli occhi umidi.
La ragazza arrivò in piazza San Marco, scese dalla gondola e appose ai muri il programma di LFI.

[rp]

          _________________________LIBERA FRATELLANZA ITALICA_____________________________
          __________________________________________________________



Veneziani!
E' di nuovo giunto il momento di scegliere ed eleggere i prossimi 12 Consiglieri Repubblicani.
Prima della rottura del patto con l'Ordo il partito di LFI si era candidato alle elezioni repubblicane. Avevamo preso un impegno con tutti voi elettori, apponendo la nostra candidatura, ed è giusto portarvi a conoscenza degli obiettivi che, una volta eletti in consiglio, vorremmo attuare.
Al nuovo Consiglio spettava gestire la situazione, è importante che ogni Veneziano scelga con consapevolezza i propri rappresentanti.
LFI vuole dare una continuità di governo, sulla scia del buon operato svolto sin d'ora.
Ecco le nostre proposte.


Sicurezza e difesa

I nostri soldati sono in possesso di un livello di addestramento magistrale ed il loro lavoro è efficiente e costante, per cui ci proponiamo di mantenere i risultati ottenuti, concentrandoci sulla formazione delle reclute e sullo spirito di squadra che vige in Caserma.

Continueremo a sviluppare la Fureria della Serenissima, luogo di fondamentale importanza per l'amministrazione militare, responsabilizzando il lavoro del Furiere e degli Araldi ed operando l'addestramento dei Primi Ufficiali.
Allo stesso modo continueremo ad incentivare i lavori dell'Accademia Militare, da sempre impegnata nella formazione di soldati e nello studio delle dinamiche belliche.
Ci proponiamo di far continuare il progetto del Centro Addestramento Reclute, affinché i nuovi entrati apprendano fin da subito l'impegno e le conoscenze che sono necessari per la vita militare.

Continueremo ad adoperarci affinché le figure elette che andranno a comporre lo Stato Maggiore (Capitano e Sergente) debbano appartenere all'esercito repubblicano; nel caso in cui non vi fosse questa possibilità, il Capo di Stato Maggiore svolgerà tutte le mansioni tattiche e strategiche ed il furiere lo coadiuverà in quelle amministrative.

Ci proponiamo di rafforzare le difese della Capitale con la creazione di una guardia dogale efficiente che possa garantire una maggior protezione della città con dei servizi di gendarmeria e miliziani a turnazione nell’arco della settimana e provvederemo ad un esercito a presidio della Capitale sotto il controllo della Prefettura, in modo da poter utilizzare i soldati nella pulizia delle strade o a supporto delle altre istituzioni repubblicane.

Riteniamo opportuno e fondamentale allineare la lista indesiderati e conseguentemente le liste nemici degli eserciti veneziani con quelle delle province italiche.
In contemporanea lavoreremo all'implementazione dei nostri servizi segreti, affinché possano tornare alla loro massima efficienza.


Economia


- Le vendite alla Repubblica saranno regolate in base a precisi riferimenti di prezzi e alla volontà del Ministro del Commercio e dello Sceriffo, ma si cercherà comunque di lasciare maggiore autonomia municipale nella gestione delle proprie risorse e di conseguenza per le offerte alla Repubblica.

- Manterremo il budget giornaliero dei 300 ducati, iniziativa LFI di cui andiamo fieri, ma faremo in modo di valorizzare il magazzino repubblicano, che verrà opportunamente rifornito in modo da far fronte a situazioni di emergenza sia socio-economiche che militari.
Per questo motivo verranno privilegiati i surplus di merci a basso costo provenienti dalle città.

- Particolare attenzione verrà riposta alle riserve di pietra e ferro per garantire la sicurezza delle miniere, limitando così acquisti da terzi.

- Promuoveremo il libero mercato e la libera circolazione delle merci, ritenendo di dover diminuire, se non togliere, i limiti ai cittadini della Repubblica di accesso ai mercati fuori della loro città, ma pur sempre in territorio Serenissimo.

- Al fine di garantire la massima efficienza alla commissione economica, creeremo la figura del Contabile. Esso sarò nominato tra i Consiglieri senza carica ed avrà il compito di supervisionare i Sindaci ed aiutarli nel loro lavoro.


Miniere

- Le miniere sono uno strumento fondamentale per riattivare l'economia Veneziana.
Sarà nostro impegno valorizzare tali risorse e manterremo dunque gli incentivi fino ad ora proposti ai minatori per cercare di garantire una maggiore affluenza alle miniere stesse.

-Ci proponiamo di evitare le chiusure alternate delle miniere. Oltre al non essere utile, contribuisce spesso e volentieri al calo delle presenze di minatori e pregiudicano gravemente il ripopolamento delle città. Un lavoro precario e discontinuo porta presto le persone alla ricerca di altre fonti di guadagno, fino ad arrivare all'assenteismo nelle miniere.

- Desideriamo garantire il salario delle miniere a 16 ducati e sarà compito del Consiglio provvedere a rendere pubblico il loro piano di sviluppo.

- Cercheremo di stringere accordi commerciali con altri Stati per il commercio del sale in modo da poter aprire le miniere di sale a Venezia per garantire le necessarie scorte.


Porti e Marina


- Continueremo ad incentivare l'utilizzo della Dogana Veneziana e creeremo un ufficio per le navi commerciali al fine di effettuare i conteggi degli ingombri e supervisionare i passeggeri in transito.

- Ci proponiamo di aumentare le navi da guerra della Marina Serenissima che dovranno navigare dove sono segnalati pericoli e difendere le navi commerciali.
I nostri mari devono essere puliti e sicuri.

- Si attuerà un monitoraggio marittimo serrato assicurando la presenza continua di funzionari qualificati come Capo Porto (e di un suo Vice) nelle tre città portuali grazie ad un continuo lavoro di concerto con la Prefettura.

- Ci proponiamo di togliere la tassa per la permanenza in banchina delle navi di cittadini residenti nella Serenissima, a meno che l’ormeggio non superi i 15 giorni.

- Intendiamo iniziare i lavori per l'ampliamento del porto di Pola.


Università

- Particolare attenzione verrà riposta affinché le discipline insegnate coprano tutti gli ambiti dei saperi, colmando le eventuali lacune pregresse in certi ambiti. Ciò non toglie che verrà proposta l'introduzione di lezioni marittime avanzate per i Capitani al servizio della Serenissima

- Manterremo inoltre l'ottima gestione di domanda e offerta di Punti Stato, lasciano allo Sceriffo pieni poteri decisionali sulle graduatorie ma difendendo il diritto di ogni cittadino di Via dello Stato di poter dare punti alla Repubblica.


Giustizia

E' nostra intenzione mantenere sostanzialmente immodificato l’attuale Corpus Iuris, frutto di un solerte, generoso e competente lavoro, durato mesi. La Libera Fratellanza Italica si batterà sempre strenuamente affinché non venga stravolto. Proporremo comunque:

- di modificare la legge sullo schiavismo abbassando il salario minimo a 14 ducati e di conseguenza faremo modificare le ordinanze municipali sui salari in base alle caratteristiche.

- di modificare la legge sull’ingresso nella Capitale inserendo il patteggiamento breve per i cittadini della Serenissima che la dovessero trasgredire.

- che tutte le eventuali ulteriori modifiche passino attraverso un consulto tecnico di esperti delle Istituzioni repubblicane ossia rispettando l’iter di quelle attualmente in vigore.


Diplomazia

- Continueremo a rafforzare, ora più che mai, i nostri rapporti con le Province alleate di Modena e Milano, che si sono rivelate ottime alleate della Serenissima.

- Verrà richiesta maggiore trasparenza e approfondimenti per quanto concerne le informazioni contenute nel velino diplomatico, che faremo in modo che abbia scadenze prefissate e regolari.

- Manterremo vivi i rapporti con l'est, mantenendo gli accordi con le province vicine.

- L'ONE ha non solo tradito la fiducia di Venezia, ma ha messo in atto un deliberato tentativo di far infrangere l’alleanza che ci lega da molto a Modena e Milano e per questo lo combatteremo con tutte le nostre forze.


Cultura

- Riteniamo da sempre fondamentale lo sviluppo della cultura e dell'arte nella nostra Repubblica; ci adopereremo quindi per dare lustro all'Accademia, promuovendola tra la popolazione e continuando a lavorare a manifestazioni ed eventi culturali in collaborazione con tale Istituzione.

- Daremo spazio ad eventi culturali, e valorizzeremo il compito del Ministro della Cultura, avendo cura di scegliere per tale ruolo una persona preparata e motivata.

- Oltre a continuare la campagna di promozione della cultura nella nostra Repubblica, la Libera Fratellanza Italica ritiene importante sviluppare scambi interculturali con quei ducati o repubbliche che siano dotati di un organo analogo alla nostra Accademia, come la vicina Modena e Firenze.


Trasparenza

- Utilizzeremo al meglio la Camera Comune come strumento di informazione dei cittadini cercando accelerare la pubblicazione delle discussioni esaurite.
Faremo in modo che ogni cittadino venga a conoscenza dell'esistenza di tale strumento e che impari ad usarlo.

- Proporremo dei resoconti consiliari con cadenza bisettimanale.

- Cercheremo di insistere sulla figura dei referenti dogali, attivandoci affinché i bandi vengano riproposti dai sindaci soprattutto in quei casi in cui l'ufficio sia ancora vacante.



[/rp]

Tornare in alto Andare in basso
 
XIII legislatura
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» XXV Legislatura

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
LFI :: Sezione Pubblica :: Programmi Libera Fratellanza Italica :: Serenissima Repubblica di Venezia-
Andare verso: