LFI

Libera Fratellanza Italica
 
IndiceIndice  RegistratiRegistrati  Accedi  

Condividere | 
 

 VIII Legislatura

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
lilith

avatar

Numero di messaggi : 2035
Localizzazione : Venezia
Data d'iscrizione : 20.01.09

MessaggioTitolo: VIII Legislatura   Mer Apr 28, 2010 6:32 am

Citazione :

Venezia si colora d'incanto quando i raggi caldi e splendenti del sole si insinuano delicatamente lungo le calli.
Ed al tramonto, mentre tutte le città diventano meravigliose, lei si tinge di magia.
Anche l’ombra notturna, lungo le fondamenta, sembra illuminare le acque della laguna.
In una di queste preziose serate BiancaLuce camminava a passi lenti e cadenzati verso il cuore della città, richiamando a sé volti stupiti dalla fierezza del suo portamento e incuriositi dalla serietà del suo volto.
Portava tra le mani una cartapecora di preziosa fattura.
Arrivata in San Marco, i suoi passi si fecero più rapidi e decisi fino a raggiungere in pochi attimi il loggiato di Palazzo Ducale.
Aprì la fulva pergamena e la affisse affinchè tutti potessero leggerla.


Citazione :


_________________________LIBERA FRATELLANZA ITALICA
_____________________________



    In questa tornata elettorale la Libera Fratellanza Italica si presenta mettendo al servizio di Venezia tutto il suo impegno, le sue competenze e le idee necessarie per una Repubblica prospera, sicura e serena.
    Tutti noi crediamo in un Governo forte ma tollerante, per questo motivo vogliamo le leggi chiare, eque e rispettate e vedere le nostre strade sicure, ma allo steso tempo ci adopereremo per essere un faro diplomatico per tutte le Province a noi amiche e faremo in modo che la cultura veneziana sia un modello esemplare.
    Crediamo in un Governo sicuro e affidabile e per realizzare questa nostra idea ci impegneremo affinchè l'economia sia sempre fiorente e le spese mirate principalmente al bene del cittadino, vogliamo vedere le miniere e i porti sfruttati al massimo del loro potenziale e nel contempo rendere il nostro operato trasparente e partecipativo.
    I valori che ci guidano sono nobili e seri ed i nostri animi colmi di fiducia e ognuno di noi si impegnerà al massimo delle proprie possibilità e capacità.

    Eccovi il programma che intendiamo portare avanti :



    Sicurezza I

    Abbiamo intenzione di creare una figura di sostegno al difficile ruolo del Prefetto creando l’Ispettore Capo, che avrà il compito di favorire e facilitare il lavori in Prefettura controllando il lavoro dei VicePrefetti e tenendo costantemente informato il Prefetto sugli sviluppi, essendo a tutti gli effetti il suo più stretto collaboratore. Avrà inoltre il compito di formare i VicePrefetti di recente nomina istruendoli nel proprio compito. Per l’importanza del ruolo riservato all’Ispettore Capo, sarà concessa la possibilità di richiedere la nomina di uno o due Ispettori, nominati tra i VicePrefetti con più esperienza.
    Creeremo l’Ufficio del Prefetto, reso pubblico in Taverna Veneziana, nel quale verranno costantemente aggiornate la composizione della Prefettura e la situazione delle ordinanze cittadine in vigore, la lista indesiderati e tutte le informazioni riguardanti i decreti dogali e delle altre Province, in modo da rappresentare uno strumento rapido ed immediato, usufruibile da tutta la popolazione.
    Applicheremo lo Statuto della Guardia Dogale iniziando a costruirne l’ossatura effettiva e concreta.

    Sicurezza II

    Garantiremo una precisa carriera militare con incentivi per tutti i soldati, seguendo alla lettera ed in maniera costante la Carta degli Eserciti, proponendo riconoscimenti atti a stimolare i soldati e favorendo impegno ed interesse da parte di tutti. Sarà nostro preciso impegno riqualificare e ristrutturare la Caserma veneziana.
    Ci proponiamo di mettere fin da subito in pratica riforme della Carta degli Eserciti atte a migliorare la nostra potente macchina bellica, che sono state proposte e discusse dai membri dell’Accademia Militare Veneziana, grazie ad un costante e impeccabile lavoro.
    Vogliamo che all’Esercito siano affidati più incarichi di responsabilità e impegno. Da sempre si è contraddistinto per efficienza e dedizione e proprio per questo riteniamo sia giusto e doveroso affidargli mansioni di rilievo ed importanza, uno su tutti la caccia ai briganti su commissione repubblicana.

    Giustizia

    Riteniamo il nostro CJ piuttosto soddisfacente tranne per alcuni articoli che ci proponiamo di migliorare e di introdurre una parte riguardante le regole di carattere sociodescrittivo della nostra Repubblica, in particolar modo gli articoli sulla nostra lingua, i nostri confini e la nostra religione.
    Intendiamo migliorare la legge sul conflitto di interessi, facendo in modo non solo che la stessa persona non debba trovarsi a ricoprire più ruoli nello stesso ambito lavorativo, ma anche che non vi siano rapporti parenterali stretti o partitici in campo giudiziario.
    E’ nostra volontà rivedere la legge 3 del nostro Corpus Iuris, “delle Procedure” , ed in particolar modo l’articolo 3.5 “del corretto Svolgimento dei Processi” rendendo la procedura il più possibile tecnica ed efficace e l’articolo 3.11 “della Benemerenza” ed applicarlo alla popolazione repubblicana
    Punto fondamentale della nostra azione in termini legislativi ed esecutivi sarà rendere forte e inattaccabile la sicurezza entro i Serenissimi confini. Per questo motivo rivedremo la legge sulla lista indesiderati in modo che nessuno possa prendersi gioco di Venezia senza venir prontamente dissuaso dalla sua opera e modificheremo ulteriormente la legge sul brigantaggio, in modo da ripulire in maniera ancora più celere ed efficace le nostre strade.
    Rivedremo per intero l'articolo 3.4 con l'intento di migliorare dove sarà possibile ed eliminare le inesattezze giuridiche soprattutto inerenti alla figura del Giudice e del Pubblico Ministero.
    Abbiamo intenzione di creare un Organo Istituzionare con fine consultivo, formato da esperti giuristi e studiosi del diritto, indipendente dal Consiglio Repubblicano ma che cooperi a stretto contatto.

    Economia

    Puntiamo a mantenere il sostegno ai municipi della Serenissima, utilizzando un budget giornaliero flessibile a seconda delle esigenze repubblicane e secondo la discrezionalità del Ministro del Commercio sia nella scelta dei prodotti che dei prezzi. Tali decisioni dovranno essere motivare al Consiglio attraverso un resoconto settimanale sulle eccedenze ed i fabbisogni in relazione alla popolazione di ogni città.
    Tale budget non dovrà comunque essere inferiore ai 300 ducati, di cui almeno due terzi sarà destinato alla produzione di animali ed il restante ad uso delle feste e/o per incrementare il magazzino della Repubblica, salvo diverse disposizioni del Doge.
    Nell’ottica di provvedere a mantenere i mercati forniti di qualsivoglia necessità, un occhio di riguardo sarà comunque riservato alla citta' di Venezia, a causa della scarsa presenza di uomini e mezzi.
    Sara' nostra cura tenere conto di queste carenze per meglio aiutare la citta' nella sua gestione giornaliera. Ciò non toglie che ogni città avrà il diritto di essere aiutata in base alle proprie necessità e carenze, una volta che saranno oggettivamente dimostrate dal Sindaco e dal TM.

    Miniere

    Vogliamo rendere l’utilizzo delle nostre miniere fondamentale per incrementare le casse repubblicane. Per questo ci proponiamo di mantenere chiuse le miniere di sale ma di incentivare l’utilizzo delle altre, attraverso eventi o impegni che richiederanno la presenza in miniera.
    Il nostro obiettivo è di ottenere un definitivo e costante risanamento del bilancio pubblico, solo allora attueremo una gestione che garantisca l’incremento di posti di lavoro.
    Ad ogni modo, essendo l'ottimizzazione delle miniere di fatto una necessità pratica e non dettata da interessi politici, cercheremo di lavorare con tutti gli altri partiti per questo stesso fine comune.

    Porti

    E' nostra priorità terminare l’ ampliamento a livello 3 del porto di Pola, che diventerà l’Arsenale Repubblicano. A tal fine percorreremo tutte le vie, sia economiche che diplomatiche, per fare in modo che ciò accada.
    Vogliamo creare un registro che racchiuda tutte le imbarcazioni di costruzione veneziana, in modo da avere facile accesso alle informazioni da parte dei Capi Porto e uno per gli attracchi e l’accesso all’Arsenale.

    Diplomazia

    Desideriamo concludere la revisione di tutti i trattati firmati ad oggi, nell’ottica prioritaria di stringere saldi rapporti, in campo economico militare e giuridico, con le Province Italiche a noi più prossime e con quelle con noi confinanti.
    Intendiamo intensificare i rapporti con la Province amiche al fine di aumentare le esportazioni e le importazioni, creando un ufficio di collaborazione tra il nostro Ministro del Commercio e gli ambasciatori.
    Creeremo un Ufficio Diplomatico, ad uso del Gran Ciambellano, dove verranno riportati i velini diplomatici e qualsivoglia informazione in merito e sarà reso pubblico il Serenissimo Corpo Diplomatico.

    Cultura

    Riconosciamo che l'Accademia Veneziana è il cuore pulsante della cultura e ci proponiamo, pertanto, di conservarne l'indipendenza da ogni vincolo politico. Sarà nostra premura assicurare il corretto svolgimento delle lectiones dei Magistri e degli eventi di tale istituzione.
    Saranno organizzati, inoltre, eventi pubblici in Taverna della Repubblica come balli e giostre, alla presenza del Doge, che avranno lo scopo di allietare i cittadini e incentivare lo sviluppo del GDR nella nostra amata Repubblica.
    Daremo maggiore spazio al ruolo di Magnati della Repubblica, creando un costante coinvolgimento dei cittadini in concorsi, feste e tornei che incentivino la partecipazione nella vita comunitaria.

    Università

    Vogliamo migliorare l’organizzazione dell’Università, soprattutto riformando il metodo delle graduatorie affinché siano più immediate e semplici agli occhi del Rettore.
    Intendiamo avere un corpo docente preparato, pertanto appoggeremo la candidatura a Magnifico Rettore di chi proporrà di far ricoprire tale ruolo esclusivamente a coloro che abbiano almeno la metà delle materie necessarie al conferimento della laurea avente la materia per cui ci si è proposti. Tutti gli altri non saranno di ruolo ma supplenti.


    Trasparenza e comunicazione


    Intendiamo regolamentare la divulgazione di informazioni in modo da rendere più trasparente il lavoro dei nostri consiglieri, sindaci e collaboratori di giustizia.
    Ci adopereremo per fare in modo che vengano forniti rapporti settimanali sull’andamento del Consiglio.
    Vogliamo garantire la presenza del Portavoce in ogni Consiglio Comunale, in modo da creare un ponte diretto col Serenissimo Consiglio.





    Questi sono i punti principali che la Libera Fratellanza Italica si impegna a realizzare.

    Ringraziamo tutti coloro che continuano e continueranno a riporre in noi la loro fiducia e chi lo farà questa volta, sicuri di non deluderli.
    Per quanto ci riguarda, non possiamo che assicurare massimo impegno e dedizione nei confronti della Serenissima e di tutti i suoi cittadini.




_____________________________________________________Libera Fratellanza Italica


________________________________________________

Tutto intorno vi era silenzio. Bianca sapeva che a breve si sarebbe trasformato in curiosità, così si allontanò camminando pacatamente tra l'aria densa e solitaria della piazza, cercando di riposare un poco prima di tornare l'indomani insieme ai suoi compagni di partito ed amici per poter accogliere e rispondere a tutti coloro che si sarebbero fermati incuriositi.
Tornare in alto Andare in basso
 
VIII Legislatura
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» FATTORE VIII ULTERIORI INFORMAZIONI
» Atei famosi
» XXV Legislatura
» Fattore VII della coagulazione
» ESAMI PER VERIFICARE SE C'E' UNA TENDENZA ALLA TROMBOSI

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
LFI :: Sezione Pubblica :: Programmi Libera Fratellanza Italica :: Serenissima Repubblica di Venezia-
Andare verso: